Recensioni

Cosa dicono di me…

“Tanti anni di vizi guidoniani riportati nel bel saggio “UNA VITA, LA MIA TERRA (brava gente e…)” di Ugo Rendine in cui l’Autore racconta la Città, la Politica e tanto di sé.
Un libro su fatti, nomi, cognomi e documenti a Guidonia e dintorni dal 1975 ai nostri giorni, senza sconti per alcuno (compreso l’Autore). Il Volume, benché corposo per la quantità di avvenimenti che vi sono riportati e per l’ampio arco di anni a cui si riferisce, si legge fluidamente e con avidità: confesso di averlo attraversato con piacere in 2 soli giorni consecutivi.”

Elisabetta Aniballi

Giornalista, www.elisabettaaniballi.com

“Il libro UNA VITA, LA MIA TERRA (brava gente e …) di Ugo Rendine ha sicuramente richiesto un grande impegno e non lascerà spazio ad interpretazioni di parte.
Lo spirito critico di VOX che interpreta, stigmatizza e, a volte, contrasta alcune vicende, rende ancora più tangibile la presenza di equilibrio razionale e di passione che affiora da quelle “svolte” con cui l’Autore ha marcato la Sua Vita, facendola diventare un tutt’uno con la Sua Terra.
Ho trovato sublime la narrazione di alcune parti, quali l’infanzia, l’adolescenza, la gioventù, il servizio militare e molte altre, e precise ed agevoli le parti documentali seppure cariche di date, fatti, prove dei fatti e strazianti avvenimenti a chiusura del libro.”

Ludovico Tonchei

Vice Presidente, Università Agraria di Moricone (RM)

““Una Vita, La mia Terra (brava gente e …) di Ugo Rendine, è uno scrigno che contiene un grande e prezioso tesoro, la Vita nella propria Terra, le radici di un passato vissuto con grande intensità che fa riflettere sul presente e allo stesso tempo crea degli spunti per gettare delle basi sul futuro. Un vero “patrimonio” storico e culturale da vivere tutto d’un fiato in ogni sua pagina. Attraverso gli scritti, le immagini e i documenti, interpreta, stigmatizza ed a volte contrasta in modo dettagliato e concreto molte vicende da cui, comunque, traspare tutto l’amore dell’Autore nei confronti del Suo “territorio natio” e della Sua gente. A tutti gli effetti è “musica per le orecchie” di chi ha la voglia e la curiosità di sapere.”
Claudio Testi

Conduttore Radiofonico

“Una Vita, la mia Terra (brava gente e …)”, un libro di intensi sentimenti che prende spunto dalla necessità dello scrittore di tirare le conclusioni di una vita ricca di grandi amori, grandi successi, grandi passioni, grandi tragedie.
Racconti lucidi ed a volte malinconici, lasciano trasparire un animo generoso ed innamorato della vita.
Amore è la parola chiave di questo libro, amore per la propria terra, per la moglie, per i figli per il lavoro, per la politica.
Struggente la lettera di Domenico al padre, sopravvivere al proprio figlio è un’esperienza devastante.
Emerge comunque un uomo colpito ma non vinto, che ritrova linfa vitale nelle persone amate da una vita,
Maria la sposa, Annalisa la figlia le nipoti gioia infinita.
Prova che la vita non si ferma, ma scorre nonostante tutto.
Grazie una bella lezione d’amore.
Con affetto sincero.

Anna Maria Piselli

Casalinga

Non nascondo che dopo la lettura del libro “Una Vita, la mia Terra (brava gente e…)” di Ugo Rendine sono rimasta colpita dalla puntuale e dettagliata esposizione dei documenti a supporto. Non abito a Guidonia – Montecelio ma credo che chiunque abiti in quel territorio potrebbe ricevere risposta a molti perché, dato che la lettura del libro/documento facilita la storia di questa Città.
Da donna, moglie e madre non voglio dire altro ma mi sento mi sento tremare i polsi per i molti accadimenti in ambito familiare, che suscitano grandi emozioni. Ho visitato anche il Sito web di fresca fattura associato al libro e l’ho trovato essenziale e ben leggibile, buona anche l’idea del “free” che pone chiunque nella condizione di leggere, partecipare e giudicare a costo zero, un segnale importante che non invita a comprare per avere qualcosa da leggere, bensì invita a leggere per sapere, per incominciare a conoscere le numerose vicende che l’autore ha vissuto, rendendolo un tutt’uno con “quel teatro” che è la sua terra e la “brava gente” dei suoi conterranei, lasciando al lettore la libertà di esprimere il proprio giudizio (con tre puntini di sospensione).

Giuseppina Milani

Insegnante

Pin It on Pinterest

Share This